Nel pomeriggio del 7 dicembre 1932, proveniente da

accept. The question interesting, too..

Nel pomeriggio del 7 dicembre 1932, proveniente da

Erano quelli gli anni della nascita del quartiere Parioli.

Il 7 dicembre sarà acceso l'albero donato dal Fvg a Papa Francesco

Questo quartiere nasceva nella zona settentrionale di Roma, dove nei tempi del tardo impero si potevano venerare parecchie catacombe, come quella di San Valentino. Ma era un progetto troppo grandioso.

Il Sommo Pontefice Pio XI volle iniziare personalmente le feste progettate in occasione della posa della prima pietra.

Finita la Messa fu presentato al Papa il blocco di serpentino, che trovato per fortunata coincidenza presso le catacombe di S. Valentino, ai Parioli, fu la prima pietra del tempio. Su uno dei lati fu inciso: Dulce Cor Mariae esto salus mea. La costruzione aveva una pianta e uno sviluppo assai diversi. Armando Brasini aveva fatto le linee generali del tempio.

How to get data from multiple tables in hibernate example

Quattro furono i progetti prima che fossero iniziati i lavori:, e Giacomo, di S. Agnese, di S. Carlo, di S. Andrea, oltre a quelle pagane trasformate in cristiane di S. Stefano e S.

Operazione Crusader

Questo villino era una piccola e modesta dimora con travi di sostegno ai muri, con una cappellina e un salottino. Le strade della zona dei Parioli erano appena tracciate, e circolavano carri tirati da bestiame. Poi la campagna, con le pecore sui pascoli, tra viottoli che oggi si chiamano Piazza Euclide, Via del Sacro Cuore di Maria.

Vennero iniziate le fondazioni dei 4 poderosi piloni centrali della cupola. Lunghezza m 42, larghezza m Nel i lavori sono ormai avviati. Il 9 maggioil Card. Cordis Beatissimae Virginis Mariae. Il 10 maggio ebbe luogo la solenne inaugurazione della nuova parrocchia, alla presenza di Mons. La Congregazione Clarettiana era rappresentata del Rev.

Filippo Maroto, Superiore Generale. Terminato il canto del Veni Creator il Cancelliere lesse la Bolla. Il giorno 31 gennaio spirava serenamente dopo lunga malattia.

Il nuovo parroco, P. Eugenio, in data 10 Maggio La fabbrica del tempio, proprio in questo periodo, stava per essere ultimata e tutto faceva prevedere la prossima inaugurazione. Renato Logar non ebbe la sodisfazione di essere presente alla cerimonia inaugurale del tempio, al quale si era dedicato con ardore.Dall'estate hanno anche cominciato a sostituire le locomotive E.

Con l'ultimo lotto, le E.

nel pomeriggio del 7 dicembre 1932, proveniente da

Con la progressiva rimozione per obsolescenza delle motrici costruite grazie al Piano Marshallle ferrovie si trovavano in carenza di materiale traente per i treni locali e cominciarono a passare ai servizi navetta le E. Inizialmente furono previste due variazioni di configurazione: le E. I tre prototipi delle E. Con una gara internazionale nel le FS diedero incarico ad ABB di sviluppare e costruire una nuova locomotrice basata sui prototipi realizzati: per ridurre i costi venne concordato che i nuovi mezzi sarebbero stati costruiti sulla base delle E.

All'inizio del Trenitalia ha annunciato l'ordinazione di un ulteriore lotto di locomotive, portando il numero complessivo di E. Nel Trenitalia aumenta ulteriormente la flotta di E.

Il contratto, del valore di milioni di euro, porta quindi a le E. La consegna dell'ultima E. Nel novembre Trenitalia annuncia di aver commissionato a Bombardier un lotto di altre 29 locomotive del gruppo E, con un investimento di circa milioni di euro, che verranno smistate tra Lazio, Veneto e Liguria, insieme a nuove carrozze di tipo Vivalto.

Il 7 agostole prime due macchine per il Servizio Universale partono da Foligno dirette in Sicilia. Si tratta della E.

Cirano in festa per i 50 anni della Parrocchia

Le - Siracusa. Il 18 novembre due E. Fu la prima volta che tale soluzione venne impiegata su un locomotore FS con le motrici precedenti era necessario l'utilizzo di un adattatore. I carrelli sostengono la cassa tramite molle, invece che con il tradizionale perno.

A tutt'oggi, su disposizione di RFI Rete Ferroviaria Italianatutti i rotabili di trazione devono essere equipaggiati con l'apparato SCMT Sistema Controllo Marcia Trenocon Dispositivo vigilante e ripetizione segnali a 9 codici, invece di 4 codici come nella ripetizione tradizionale per le E.

nel pomeriggio del 7 dicembre 1932, proveniente da

Come tutte le motrici di ultima generazione, le E. Dal mese di novembrele prime 4 E. L'estensione a tutto il parco E. Nel la E. Le Ferrovie Emilia Romagna ordinarono 3 locomotive E. Queste ultime sono invece dotate di organi di aggancio di tipo automatico. Nel medesimo giorno entrarono in servizio sulla tratta ferroviaria Arezzo-Stia. Altri progetti. Locomotiva FS E. Reindirizzamento da E URL consultato il 28 settembre Cirano in festa sabato 7 e domenica 8 dicembre per i 50 anni della Parrocchia di San Giacomo Apostolo, che si trova nella frazione di Gandino.

Un traguardo importante, celebrato con gioia in coincidenza con la festa di Maria Immacolata. Esattamente il 10 luglio il Vescovo di Bergamo mons. Clemente Gaddi emise infatti il decreto di erezione della nuova parrocchia smembrata da Gandino, avviando la pratica per il suo riconoscimento civile.

Giuliani nel — la vostra nuova famiglia spirituale, il vincolo che unisce. La chiesa originaria risale al e rifatta in epoca barocca con la costruzione della cupola. Il bronzo proveniente dalla fusione delle campane distrutte dal crollo fu utilizzato per quelle nuove: 11 campane cui se ne aggiunsero altre 3 negli anni successivi. I festeggiamenti prenderanno il via sabato 7 dicembre alle Domenica 8 dicembre messe alle 8 ed alle A Barzizza e Gandino saranno sospese le messe coincidenti.

Nel pomeriggio alle 15 vespri e processione, seguiti da un momento di festa in Oratorio. Alle 18 messa conclusiva nella parrocchiale.

nel pomeriggio del 7 dicembre 1932, proveniente da

Sito web. Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati. Segnala una notizia. Toggle navigation.

Cronaca Cultura Politica Eventi Sport. Altre gallerie. Aeroporto di Bergamo, alle 7. Manutenzione straordinaria sulle strade provinciali della bergamasca 25 Aprile Val Seriana, finalmente una nevicata… con i fiocchi 2 Marzo Altri video. Flash news del 8 giugno— Video 8 Giugno IVA Netweek S. A - Codice fiscale e Registro Imprese Articolo precedente.Le forze britanniche, comandate dal generale Claude Auchinleckcostrinsero, dopo una serie di micidiali e confuse battaglie di carri nel deserto dall'esito alterno, alla ritirata le truppe dell' Asse e sbloccarono la fortezza assediata di Tobrukma subirono un forte logoramento e non riuscirono a sfruttare la vittoria permettendo al nemico di sfuggire e continuare a combattere.

La nevicata del 7 dicembre 2012

Entro poche settimane i britannici, sorpresi da un nuovo attacco del generale Rommel, sarebbero stati costretti ad abbandonare una parte del territorio libico conquistato. L'improvviso arrivo in Nord Africa nel marzo dell' Afrikakorps tedesco guidato dal generale Erwin Rommel aveva profondamente mutato l'andamento strategico della seconda guerra mondiale nel teatro mediterraneo che nell'inverno era sembrato definitivamente favorevole all' esercito britannico che aveva inflitto una serie di clamorose sconfitte all' esercito italiano e conquistato l'intera Cirenaica.

Le limitate ma moderne forze meccanizzate tedesche, supportate da nuove divisioni italiane, avevano rapidamente preso l'iniziativa e ricacciato i britannici sul confine libico-egiziano; tuttavia non era riuscita la riconquista dell'importante porto di Tobruk dove la guarnigione australiana aveva opposto forte resistenza [9].

Nel giugno il generale Archibald Wavellresponsabile del comando britannico del Medio Oriente, aveva sferrato un'offensiva con mezzi corazzati per cercare di sconfiggere l'Afrikakorps e sbloccare la fortezza assediata di Tobruk, ma la cosiddetta operazione Battleaxenota anche come "battaglia di Sollum", si concluse il 17 giugno con una netta sconfitta dei britannici guidati sul campo dal generale Noel Beresford-Peirse [10].

Arrivarono complessivamente in Nord Africa provenienti dalla metropoli carri armati del nuovo modello Crusader, carri armati leggeri di produzione americana M3 Stuart, carri armati pesanti Matilda II, Furono effettuati grandi sforzi anche per migliorare la situazione logistica delle truppe; vennero costituiti grandi depositi, venne estesa la ferrovia di Alessandria e potenziate le condutture d'acqua [13].

L'arrivo dei rinforzi, dei nuovi armamenti e il continuo potenziamento dell'armata suscitarono entusiasmo tra i soldati britannici; grande ottimismo era diffuso tra i reparti, si sperava finalmente di poter condurre vittoriosamente una vera guerra lampo nel deserto e di poter sconfiggere per la prima volta i tedeschi. Anche tra i comandanti c'era ottimismo, in particolare gli ufficiali carristi avevano piena fiducia nei loro mezzi ed erano decisi ad affrontare e battere i temuti panzer tedeschi [14].

L'operazione di trasferimento della nuova guarnigione britannica a Tobruk ebbe pieno successo. Nel mese di agosto le forze italo-tedesche impegnate sul fronte libico-egiziano avevano assunto la nuova denominazione di Panzergruppe Afrika e il generale Erwin Rommel, divenuto personaggio di rilievo internazionale per le sue brillanti vittorie e per l'energia e la risolutezza mostrata nella condotta di operazioni mobili con forze corazzate nel deserto, ne aveva assunto il comando.

Dopo l'inizio dell' operazione Barbarossa le forze aeree tedesche in Sicilia erano state notevolmente ridotte mentre la flotta italiana aveva limitato le sue iniziative in alto mare. In queste condizioni l'isola di Maltarifornita con l'arrivo di nuovi convogli e potenziata con l'invio di numerose squadriglie da caccia e da bombardamento e con la costituzione di una piccola squadra navale di incrociatori leggeri, era stata trasformata dal comando britannico in una pericolosa base offensiva in grado di intercettare e colpire i convogli che dall'Italia trasportavano i rifornimenti per le forze italo-tedesche in Nord Africa.

Il generale Rommel, nonostante le gravi perdite di mercantili e le carenze del rifornimento e dell'armamento delle sue forze, non aveva tuttavia rinunciato a riprendere l'iniziativa dopo i successi difensivi al passo di Halfaya e a Sollum; egli intendeva sferrare un grande attacco decisivo contro Tobruk per conquistare quella piazzaforte che, presidiata dalla combattiva guarnigione australiana, minacciava le sue retrovie e teneva impegnate gran parte delle truppe italiane del Panzergruppe Afrika [20].

Il generale Cunningham prevedeva che il XIII corpo d'armata marciasse verso ovest lungo il Trigh Capuzzo verso Tobruk dopo l'attesa vittoria del corpo d'armata del generale Willoughby Norrie contro le riserve corazzate nemcihe.

Webinar per la didattica a distanza - «Quaderni di Serafino Gubbio operatore»

Mentre continuavano i preparativi per la grande offensiva, da Londra Winston Churchill intervenne con un messaggio alle truppe in cui evidenziava la grande importanza dell'offensiva e paragonava, con accenti enfatici, l'imminente battaglia ai grandi scontri vittoriosi della storia inglese come la battaglia di Blenheim e la battaglia di Waterloo.

Per contro, i temprati veterani dell' Afrika Korps di Erwin Rommel contavano essenzialmente nella Oltre alle forze tedesche erano presenti sette divisioni del Regio esercito italiano divisioni di fanteria SavonaPaviaBolognaBresciaTrento ; Divisione motorizzata Trieste ; Divisione corazzata Ariete con carri armati.

Le due Panzer-Division dell'Afrikakorps, che costituivano il principale punto di forza dell'armata italo-tedesca del generale Rommel, avevano adottato tattiche molto efficaci per combattere nel deserto e in generale si dimostravano superiori negli scontri diretti con le brigate corazzate britanniche. La notte precedente l'inizio dell'operazione Crusader fu caratterizzata da un clima tempestoso con violente piogge che colpirono le truppe e i mezzi motorizzati delle due parti, inondarono gli uadii canaloni del deserto, e provocarono ingenti danni soprattutto ai campi di aviazione dell'Asse; alle ore Alle ore La mancanza di reazioni delle riserve corazzate tedesche il 18 novembre era dovuta al fatto che l'offensiva britannica aveva colto di sorpresa l'alto comando del Panzergruppe Afrika ; le intense piogge degli ultimi giorni avevano impedito le ricognizioni aeree tedesche e inoltre anche i reparti di intercettazione delle trasmissioni furono intralciati dal silenzio radio delle comunicazioni mantenuto da due giorni dalle formazioni britanniche [39].

I primi rapporti che giunsero dai reparti esploranti riferivano di movimenti di "ingenti forze nemiche verso ovest e verso nord", ma fu solo il 19 novembre che furono identificati circa " veicoli da combattimento" in avanzata nel deserto verso nord-ovest.

Alcuni documenti nemici catturati su un automezzo che illustravano il piano britannico e l'interrogatorio di un ufficiale fatto prigioniero furono ritenuti scarsamente attendibili [40]. Il comandante del Panzergruppe Afrika ritenne quindi che non fossero ancora chiare le intenzioni del nemico e che fosse prematuro spostare le riserve corazzate; egli verosimilmente era anche riluttante ad abbandonare i suoi piani studiati da tempo per attaccare la guarnigione di Tobruk [41].

Il comandante della Nel pomeriggio, mentre la Solo alle ore Durante la notte il generale Rommel ritenne, dopo i successi a Gabr Saleh, di poter concentrare l'Afrikakorps verso nord-ovest per attaccare i nemici che si avvicinavano a Tobruk.

Panzer-Division del generale Neumann-Silkow che subirono perdite sotto il tiro preciso dei carri britannici in movimento e, a corto di munizioni e rifornimenti, batterono temporaneamente in ritirata verso sud [53] [54]. Nel pomeriggio le due Panzer-Division dell'Afrikakorps si riorganizzarono, poterono rifornirsi dai depositi presenti nelle vicinanze e ritornarono all'attacco a Sidi Rezegh; la Panzer-Division si diresse su Gambut e la Panzer-Division su Belhamed [57].

Nella notte venne comunicato dai reparti subordinati che i tedeschi avevano subito perdite elevatissime di carri armati, che sembravano in fuga verso ovest ed in parte erano accerchiati a Sidi Rezegh; queste notizie errate furono diffuse dalla propaganda britannica e illusero ulteriormente il generale Cunningham [59]. Panzer-Division e colpire da nord e da ovest il concentramento blindato nemico a Sidi Rezegh [60]. La In serata sotto gli attacchi della Dopo i successi del 21 e 22 novembre il generale Rommel ritenne di poter raggiungere una vittoria definitiva raggruppando tutte le sue forze meccanizzate; egli disponeva, dopo aver ottenuto autorizzazione dal comando supremo italiano, anche del Corpo d'armata di manovra del generale Gambara costituito dalla divisione corazzata "Ariete" e dalla divisione motorizzata "Trieste" [68].

Il comandante dell'Afrikakorps aveva lasciato il posto di comando a Gasr el Arid ed era partito sul Mammut "Moritz" per raggiungere la Tutti gli episodi di neve dal dicembre ai giorni nostri. Mattina del 9 dicembre - nevicata in corso e circa 15cm al suolo. La neve torna a farsi vedere ma senza accumulo nella giornata di Natale. Dopo una giornata coperta la neve torna a cadere molto debolmente verso le ore 19 ma anche qui si tratta di un fenomeno temporaneo.

Anche la giornata di S. A tratti i fiocchi assumono anche dimensioni piuttosto importanti ma in linea generale si tratta di un lieve episodio pur protraendosi a tratti fino alle prime ore del mattino.

Nessun dato su accumuli. Breve ed insignificante episodio di nevischio in data 7 gennaio poi un breve episodio di neve si presenta nella giornata del 31 gennaio ' Tra il 5 ed il 10 febbraio invece si registreranno 6 giorni consecutivi di neve. Il primo nella nottata febbraio e mattinata del giorno 6 arriva grazie ad una goccia molto fredda che si sposta in moto retrogrado colpendo anche le regioni del Nord.

Al suolo non accumula molto, l'episodio si presenta debole in quanto il grosso del nucleo freddo era diretto al centrosud, Nord preso solo di striscio. Nuova comparsa di neve la sera del 7 febbraiostavolta cade in modo deciso e fitto fino alle prime ore della notte.

Rclone find

Il terzo episodio nevoso si registra tra il 9 ed il 10 febbraiostavolta ad opera di una perturbazione da ovest, non molto intensa ma che accumula circa cm. L'inverno con un nuovo e degno episodio nevoso torna addirittura nel mese di aprileesattamente il giorno Nella notte gennaio una leggera spolverata ricopre di bianco tutte le superfici, per il resto il cielo rimane coperto e la temperatura si mantiene molto bassa anche durante il giorno.

E' il momento migliore della giornata e, per gli appassionati di neve, di tutto l'inverno. Un unico episodio di neve datato 2 gennaio e un pomeriggio di neve mista ad acqua il giorno 28 febbraio. Quella del 2 gennaio arriva grazie ad un nucleo gelido proveniente dalla Russia che nel suo cammino verso l'Italia centrale arriva a toccare marginalmente anche le regioni settentrionali. Mattina del 9 dicembre - nevicata in corso e circa 15cm al suolo Dati nevicata dicembre Ora inizio.

Ora fine. Temperatura minima. Temperatura massima.Altri punti di partenza su richiesta e con riconferma. Pranzo libero presso i mercatini di Natale. Alle ore 14 trasferimento a Hall in Tirol a pochi km da Innsbruck.

Inoltre i bambini potranno ascoltare un cantastorie e provare a cavalcare su docili pony lungo le vie del centro storico. Alle ore 17 circa partenza per il rientro. Arrivo in serata. La quota non comprende i pasti, eventuali ingressi a musei e monumenti ed extra di carattere personale e generale.

Pranzo libero e nel primo pomeriggio trasferimento a San Candido. Proseguimento verso Portogruaro, Gorizia e con sosta durante il percorso. Alle ore 17 partenza per il rientro in Italia. Arrivo verso le ore 10 circa a Merano.

Pranzo libero. Arrivo a Vipiteno per le ore 11 circa. Pranzo libero presso i mercatini natalizi e alle ore 14 partenza per Bressanone. Il mercatino ospitato nella piazza del Duomo, vi accoglie con casette di legno, la pista di pattinaggio e la giostra a vapore. Lasciatevi incantare dai 25 minuti di scintillante show di luci e musica i e godetevi una serata speciale! Proseguimento per Borgo Valsugana, Trento, Bolzano.

Il mercatino ospita espositori provenienti dal Sudtirolo e dalla Svizzera. La quota non comprende il pasto del mezzogiorno ed extra di carattere personale. Proseguimento verso Brescia, Bergamo ed arrivo a Milano per le circa. Giornata libera per visite libere o per shopping. Milano, capitale della Moda, del lusso, del fashion. Alle 18 partenza per il rientro. La quota non comprende i pasti, eventuali ingressi a musei e monumenti ed extra di carattere personale. Vale sempre la pena di visitarli.

Alle ore partenza per il rientro. Alle 12 partenza per Trento. Arrivo verso le Proseguimento verso Trento ed arrivo per le ore 10 circa a Bolzano.

Il paese si trasforma in una grande mostra di presepi, grandi e piccoli, moderni e antichi, di paglia o di sassi, e saranno allestiti in ogni angolo e finestra del paese. La quota non comprende il pasto di mezzogiorno ed ingressi a musei e monumenti. Trasferimento ad Arco e pranzo libero presso il mercatino o nei numerosi ristoranti nel centro storico.

Qui ad Arco vi attenderanno bancarelle, spettacoli di strada, concerti e molto altro. Alle ore trasferimento a Riva del Garda per visitare liberamente questo piccolo borgo affacciato sul Lago di Garda. La quota no comprende il pasto di mezzogiorno, ingressi a musei e monumenti ed extra di carattere personale. Le altre partenze sono attivabili a richiesta.

Giochi di luce e scenografie mozzafiato daranno ai vostri bambini una esperienza indimenticabile e unica. La quota comprende: — viaggio in pullman GT, — biglietto di ingresso al Villaggio di Babbo Natale — assicurazione rc. La quota non comprende i pasti ed extra di carattere personale.

Per chi volesse dedicarsi allo shopping, Verona offre ogni genere di acquisto!Dopo l'entrata in guerra degli Stati Uniti, fu distaccato a Scapa Flow per operare con la Home Fleet britannica nel teatro dell'Artico rimanendovi tra aprile e ottobre ; l'8 novembre era tra le navi che condussero l' operazione Torchlo sbarco nell' Africa Occidentale Francese sottoposta a Vichy.

Fu venduto per la rottamazione nel giugno dello stesso anno. Presentava una lunghezza alla linea di galleggiamento di metri [1] e di ,22 metri fuori tutto ; la larghezza massima arrivava a 18,82 metri e il pescaggio a 6,85 metri.

La nave era dotata di tre idrovolanti Curtiss SOC Seagull e delle relative attrezzature per lanciarli e ricuperarli. L'incrociatore pesante Tuscaloosa fu impostato il 3 settembre nei cantieri di CamdenNew Jerseydalla New York Shipbuilding Corporation e fu varato il 15 novembre la cerimonia fu eseguita dalla moglie del tenente di vascello Thomas L.

Lg stylo 4 flashlight color

McCann, la quale era nipote dell'onorevole William B. Oliver, membro della Camera dei rappresentanti per l' Alabama. Questa si svolse a maggio nelle acque al largo dell' Alaska e delle Hawaii. Ormeggiato poi a San Pedroattese a periodici addestramenti. In agosto, mentre portava il presidente Franklin Delano Roosevelt a Campobello Island nel Nuovo Brunswickdette il proprio contributo alle operazioni di salvataggio e recupero del sommergibile a motore elettrico USS Squalusaffondato durante i collaudi di immersione.

Sbarcato il presidente a Pensacola, l'incrociatore fece rotta su Norflok e quindi per il cantiere di New York dove rimase tre mesi per un'approfondita revisione.

Key point annotation

Dopo il 24 maggio, mentre era in porto, la nave ricevette ordine di partire immediatamente per aiutare la Royal Navy a dare la caccia alla corazzata Bismarck che dopo la battaglia dello stretto di Danimarca era introvabile. Tale squadra, incaricata inoltre di garantire i collegamenti con le truppe in Islanda e opporsi a un'eventuale sortita della corazzata Tirpitzfu attaccata varie volte dagli U-Boote mentre pattugliava lo stretto a ottobre fu affondato il cacciatorpediniere USS Reuben James ; la tensione diplomatica con la Germania nazista crebbe, mentre nell' Oceano Pacifico l'ipotesi di una guerra contro l' Impero giapponese si fece concreta.

Il 7 dicembre l' attacco di Pearl Harbor sorprese alla fonda la Flotta del Pacifico : il giorno dopo gli Stati Uniti dichiararono guerra al Giappone e l'11 ricevettero analoga comunicazione dall' Italia fascista e dalla Germania, alleate all'Impero nipponico con il Patto tripartito. Dopo un'ennesima esercitazione al largo di Casco Bay davanti alla costa sudoccidentale del Maine, fu integrato nel Task group Il parigrado Giffen prese il comando del TG Dopo un ultimo tentativo di trarre in trappola le corazzate tedesche rifugiate nei fiordi norvegesi, fu dispensato dal servizio con la Home Fleet e fece rotta per il cantiere di New York, dove giunse il 3 dicembre per approfondite revisioni.

Alle fu d'improvviso bersaglio di qualche superstite pezzo della difesa, ma ancora una volta non fu colpito. Alle le navi della Task force ripiegarono in Inghilterra.

Fece brevemente tappa a San Diego e diresse quindi verso ovest, conducendo alcune esercitazioni al largo di Pearl Harbor. Due mesi dopo, il 15 agostol'Impero giapponese si arrese agli Alleati dopo i bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasakiponendo fine alla seconda guerra mondiale.

Il 13 febbraio fu radiato e posto nella Flotta di riserva a Philadelphia. L'incrociatore pesante Tuscaloosa ricevette sette Battle Star per il servizio reso nel corso della seconda guerra mondiale. Altri progetti. URL consultato il 15 luglio URL consultato l'8 agosto URL consultato il 29 luglio URL consultato il 14 agosto URL consultato il 19 agosto Altri progetti Wikimedia Commons.

Portale Marina. Portale Seconda guerra mondiale. Il Tuscaloosa appena entrato in servizio nell'agosto Incrociatore pesante.

Classe New Orleans. United States Navy. New York Shipbuilding Corporation. CamdenNew Jersey. Black Warrior [1]. Fonti citate nel corpo del testo.


Dilkis

thoughts on “Nel pomeriggio del 7 dicembre 1932, proveniente da

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top